Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Maggio 2017

Majette gialle

Majette gialle

***

Pur de nun riconosce la schifezza

‘sta storia che cià già contorni loschi

e che ariguarda er padre de la Boschi

la banca Etruria d’aggiustà in ricchezza …

***

… che fa er PD? Lui parla de monnezza,

che a Roma je stà a dà l’aspetti foschi,

mucchi de spazzatura come chioschi,

pe corpa de la Raggi … che bellezza!

***

Invece de guardà er vero in faccia

e ar gioco de governo e de portrone

pe riparà a ‘sta granne figuraccia …

***

… co ‘na majetta gialla de minzione

vanno pe Roma a toje la cartaccia,

hai visto mai che varga un’elezzione.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Pur de nun riconosce la schifezza
    ‘sta storia che cià già contorni loschi
    e che ariguarda er padre de la Boschi
    la banca Etruria d’aggiustà in ricchezza … (continua)

    Comment di Stefano — 16 Maggio 2017 @ 02:40
  2. Pe’ intortà i cittadini se fa questo e artro!
    La politica amici miei…

    Comment di Silvio — 16 Maggio 2017 @ 10:08
  3. Ma, non ho capito: con tutte le tasse che mi scippano, devo pure pulire la città!
    Buona serata.

    Comment di letizia — 16 Maggio 2017 @ 18:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>