Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Luglio 2017

Aridatece la Forestale

Aridatece la Forestale

***

Come ‘gni estate c’è regolarmente

da fronteggià l’incendi in de ‘gni dove,

nun sò de certo queste cose nòve,

ma c’è de novo chi nun ne sa gnente.

***

De come governà e vòi le prove,

ha torto (bravo, granne … veramente)

la Forestale, arma inconcrudente,

pe fà un presepe cor somaro e er bove.

***

Ce l’ho co Renzi si nun s’è capito,

ch’ha trasformato in carabbiniere

chi era Forestale, e co un dito …

***

… ha rovinato a entrambi er mestiere,

e ar popolo italiano garantito,

de piassela ‘gni sempre in der sedere.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

  1. Come ‘gni estate c’è regolarmente
    da fronteggià l’incendi in de ‘gni dove,
    nun sò de certo queste cose nòve,
    ma c’è de novo chi nun ne sa gnente. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 Luglio 2017 @ 08:10
  2. Ho solamente l’impressione che, quell’essere nominato, sia stato chiamato, per oscuri disegni, a rovinare questa Nazione e il suo popolo.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 12 Luglio 2017 @ 08:15
  3. L’incendio doloso andrebbe punito come il reato di strage!

    Comment by Silvio — 12 Luglio 2017 @ 10:22
  4. Di fronte a queste cose oscene (sono certa che gli incendi sono provocati!), tutti i “cittadini” si sentono inadeguati. Ma quando se ne va questo incapace, che pretende di “governare” l’Italia con tutta la combriccola di collusi che lo circonda?
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 Luglio 2017 @ 11:33

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>