Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Settembre 2017

Er peggio lunedì

Er peggio lunedì

***

C’è un lunedì ch’è er peggio assai de tutti,

è quello der ritorno da le ferie,

nun cià eguali, quanto a deleterie

sò le fattezze sua, da giorni brutti.

***

Ché de ‘gni lunedì da mette in serie,

tutt’e cinquantadue sò mezzi lutti,

ma quello der ritorno tra ‘sti flutti

fa avvelenà già er sangue ne l’arterie.

***

Co un minuto che te pare un’ora,

concetto de l’eterno relativo,

ch’è meno lungo de un minuto ancora.

***

Detesto er lunedì, ch’è un dì cattivo,

perzino quanno manco se lavora,

pe oggi ciò un inzurto che nun scrivo!

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. C’è un lunedì ch’è er peggio assai de tutti,
    è quello der ritorno da le ferie,
    nun cià eguali, quanto a deleterie
    sò le fattezze sua, da giorni brutti. … (continua)

    Comment by Stefano — 3 Settembre 2017 @ 16:35
  2. In giorni di triste lutto come questo dobbiamo restare aggrappati alle cose positive della vita: abbiamo la salute, abbiamo un posto di lavoro, abbiamo una casa, abbiamo l’AsRoma che giocherà la Champions e farà una stagione positiva, abbiamo tanti venerdì all’orizzonte e le festività natalizie sono una luce di speranza oltre la buia galleria, eheheh…

    Comment by Silvio — 4 Settembre 2017 @ 08:42
  3. Silvio ha scritto quello che ho pensato anch’io! Anzi, a questo punto della mia vita dico che tutti i lunedì sono bellissimi giorni, specialmente per chi come me si gode la pensione, ahahahah!!!
    Buon Lunedì!

    Comment by letizia — 4 Settembre 2017 @ 10:08

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>