Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

11 Settembre 2017

Tutta corpa tua

Tutta corpa tua

***

‘Sta storia der peccato origginale

de un frutto, Adamo e Eva e de un serpente…

Virginia tu, nun ne sapevi gnente?

E de Caino e Abele … gnente uguale?

***

E de quanno che fu … la pora gente

ch’è morta ner diluvio univerzale?

La stragge a l’innocenti … tal’e quale,

che ciài da dì? … Quer giorno tu eri assente?

***

La storia poi de Giuda e er tradimento,

la scerta de Barabba e Cristo in croce

c’entravi sempre te, io me lo sento.

***

Chi cià er cervello granne come noce

e dentro fuffa in sconvorgimento,

già je dà retta a chi gira ‘sta voce.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. ‘Sta storia der peccato origginale
    de un frutto, Adamo e Eva e de un serpente…
    Virginia tu, nun ne sapevi gnente?
    E de Caino e Abele … gnente uguale? … (continua)

    Comment di Stefano — 11 Settembre 2017 @ 08:23
  2. La partita della Roma rinviata per nubifragio: tutta colpa della Raggi!

    Comment di Silvio — 11 Settembre 2017 @ 09:26
  3. Bongiorno. Che ne dite de falla finita co’ sta storia? Seconno me sarebbe mejo nun sta continuamente stuzzica’ continuamente co’ st’ironia. Possibbirmente, sarebbe opportuno tenesse aggiornati de quali provvedimenti se stanno a opera’ pro Roma e, possibbirmente, raccontalli ‘n faccia a chi, stupidamente, critica.

    Comment di 'svardo AsR'29 — 11 Settembre 2017 @ 11:37
  4. Stupidi e invidiosi: tutti quelli che la criticano e quelli che credono a tutte le frescacce che s’inventano! ma quando cresceranno!?
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 11 Settembre 2017 @ 12:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>