Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 ottobre 2018

Er solito TRAM-BUS-to

Er solito TRAM-BUS-to

***

S’aricomincia er solito TRAM-BUS-to,

lo sciopero de autobus e metro,

sinnò che gusto c’è a nun annà addietro

a ‘na colonna e er traffico da imbusto.

***

Così che da Sant’Angelo a San Pietro

ce metti un’ora e mezza, giusto giusto

er tempo necessario pe dà gusto

ar benzinaro e a chi te lava er vetro.

***

Ché a quer punto arivi prima a piedi

o co qualunque mezzo arternativo,

a meno che rinunci o soprassiedi.

***

Solo che si nun ciài beni a l’attivo,

campi de rendita … che me lo chiedi?

Hai da passà TRAM-BUS-to e uscinne vivo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. S’aricomincia er solito TRAM-BUS-to,
    lo sciopero de autobus e metro,
    sinnò che gusto c’è a nun annà addietro
    a ‘na colonna e er traffico da imbusto. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 settembre 2017 @ 05:47
  2. Uno sciopero inutile, comodo per chi, forse, doveva completare qualche lavoretto lasciato in sospeso.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 12 settembre 2017 @ 15:42
  3. Il traffico di Roma unito agli scioperi, incidenti, maltempo, ecc.ecc., è diventato insopportabile! Ma per fortuna c’è il venerdì.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 ottobre 2018 @ 10:04
  4. Il transito cittadino qui a Roma è diventato insostenibile, le linee metropolitane sono insufficienti e quelle in superficie inefficienti. Caos, sporcizia e degrado regnano. Se non fosse perché ho un buon lavoro da tenermi stretto, certamente non vivrei più qua. Roma è bella solo per i turisti!

    Comment by Silvio — 12 ottobre 2018 @ 10:40

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>