Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

30 Ottobre 2017

Un lunedì ch’è giovedì

Un lunedì ch’è un giovedì

***

Oggi te vedo un po’ meno cattivo,

t’hanno spuntato er pijo abbituale,

mercoledì te frega er tuo normale

proposito de èsse negativo.

***

Ché più de un lunedì, sei tal’e quale

a un giovedì, pe quanto impegnativo,

ma co la festa in mezzo, nun fai er divo

tra quelli che ce nascheno a fà male.

***

Che pe quarcuno caschi che a faciolo,

unito a la festa pe fà un ponte,

che te viè bene co du’ giorni solo.

***

Prennessi spunto pe cambià orizzonte

venì sempre così, fittato a nolo,

nun come sempre da pistola in fronte.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Oggi te vedo un po’ meno cattivo,
    t’hanno spuntato er pijo abbituale,
    mercoledì te frega er tuo normale
    proposito de èsse negativo. … (continua)

    Comment by Stefano — 30 Ottobre 2017 @ 05:53
  2. Sto sonetto magistrale,m’ha fatto veni’ ‘n mente er palazzo “Gruviera” dell’EUR co’ la scritta: Un Popolo di Poeti, di Artisti, d’Eroi ecc….; penzo che ce manca: de Pontieri. Li ponti come li famo noi nun li fa’ nisuno, so’ carcolati già a la fine dell’anno precedente. Daje che più che Pontieri, è da di’: Festajioli.

    Comment by 'svardo AsR'29 — 30 Ottobre 2017 @ 08:57
  3. Il lunedì per me è diventato una festa, ma non perché sono in pensione, ma perché posso leggere i tuoi sonetti sul lunedì, molto divertenti! Potresti raccoglierli tutti in un libro, sono certa che avrebbero molti estimatori!
    Buon Lunedì!

    Comment by letizia — 30 Ottobre 2017 @ 09:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>