Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 gennaio 2018

Tempo de promesse elettorali

Tempo de promesse elettorali

***

Er tempo de promesse elettorali,

che nun s’ariva a dì pe prenne un voto,

‘gni tassa va abbolita, è già arcinoto,

che le pagamo a fà? Dubbi normali …

***

Er viso a ride a “serfie” ne le foto

co quele facce là … da genitali,

che fanno a gara a chi fa più regali,

o chi fa più er cojone o, mejo, scroto.

***

E già perché de qua c’è er cittadino,

che ancora stanno a crede de fà fesso

co chiacchiere che sa pure un bambino …

***

… ch’è solo fuffa o aria, er che è lo stesso,

er voto te lo do io ‘gni matino,

quanno te vòto giusto indentr’ar cesso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Er tempo de promesse elettorali,
    che nun s’ariva a dì pe prenne un voto,
    ‘gni tassa va abbolita, è già arcinoto,
    che le pagamo a fà? Dubbi normali … (continua)

    Comment by Stefano — 9 gennaio 2018 @ 05:55
  2. A buciardiii!!!

    Comment by Silvio — 9 gennaio 2018 @ 10:04
  3. i cosiddetti nostri parlamentari sono mooooolto più bugiardi di Pinocchio!

    Comment by letizia — 9 gennaio 2018 @ 12:10

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>