Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 gennaio 2018

Tassa de du’ centesimi a sacchetto

Tassa de du’ centesimi a sacchetto

***

Tassa de du’ centesimi a sacchetto,

quelle pe ‘gni verdura e pe ‘gni frutto,

quanno che intanto poi aumenta tutto,

più che un probbrema, me pare un giochetto.

***

Ché protestà ce sta, ma a che costrutto^

come pe fà cadé ner trabbocchetto,

d’annà a vedé quer gnente qui rispetto

a ‘gni artro aumento ben assai più brutto.

 ***

Sò aumentate luce, gas e benza,

co l’autostrade e l’assicurazzioni,

ma qui solo ar sacchetto ormai se penza.

***

Come quer tizzio che chissà ‘nd’è ito,

a cui indicà la Luna e se cojoni 

a contemplacce  affisso solo er dito.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Tassa de du’ centesimi a sacchetto,
    quelle pe ‘gni verdura e pe ‘gni frutto,
    quanno che intanto poi aumenta tutto,
    più che un probbrema, me pare un giochetto. … (continua)

    Comment by Stefano — 10 gennaio 2018 @ 06:01
  2. Bongiorno. Perché lamentasse o fa’ rimostranze; finché famo li co..ni, loro pònno fa’ tutto. M’hanno dato er contentino de 6,39 €uro d’aumento n’a penzione: robba da diventa’ ricchi.

    Comment by 'svardo — 10 gennaio 2018 @ 08:47
  3. Me piace er penziero der giorno: e ce stamo a meravija’ adesso?

    Comment by Romamor ASR'29 — 10 gennaio 2018 @ 08:51
  4. La storia del sacchetto biologico serve a sviarci da rincari assai più consistenti! Quanto ci considerano scemi!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 10 gennaio 2018 @ 09:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>