Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Febbraio 2018

Burian a Roma

Burian a Roma

***

Anvedi come picchia ‘sta buriana,

cor freddo che te penetra le ossa

la pelle in superficie pure è scossa

da tremarella a ballo arquanto strana.

***

Co la temperatura che s’affossa

a rènne tutta Roma sibberiana,

e soffia e tira e fischia e nun se appiana

anzi simmai se gonfia e s’aringrossa.

***

A lastricà de ghiaccio poi l’asfarto,

ner congelà perzino ‘gni penziero,

cor sibbilo der vento in soprassarto.

***

Sembrava un film, invece è tutto vero,

Roma è un ghiacciolo aperto, senza incarto,

ma io la amo pure sotto-zero.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Anvedi come picchia ‘sta buriana,
    cor freddo che te penetra le ossa
    la pelle in superficie pure è scossa
    da tremarella a ballo arquanto strana. … (continua)

    Comment di Stefano — 26 Febbraio 2018 @ 21:34
  2. Mah io ‘sto clima da freezer non lo amerò mai, preferisco tutta la vita il caldo torrido e rovente!

    Comment di Silvio — 27 Febbraio 2018 @ 10:21
  3. Benvenuto freddo glaciale: ammazzi, pulisci e scarcagnifichi tutti l’insetti, i virus e artri accidenti che stanno pe’ l’aria. Peccato che nun pòi iberna’ pe l’eternità quà mijarata de puzzoni che ce stanno a rovina ‘a vita. Pe’ pote’ fa’ sto tipo de miracolo, nun è che t’hai da sposta’ tanto; te basta anna’ a Montecitorio e a Palazzo Madama, li trovi tutti li.

    Comment di 'svardo — 27 Febbraio 2018 @ 14:08
  4. La buriana è arrivata. Ce l’hanno promessa ed eccola qua e mo’ aspettiamo che com’è venuta se ne va!
    Buon Pomeriggio!

    Comment di letizia — 27 Febbraio 2018 @ 17:47

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>