Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

21 Marzo 2018

Sarebbe Primavera

Sarebbe Primavera

***

Giusto così, sarebbe Primavera,

armeno l’astrologgica sortanto,

ché a guardà in su, si tanto me da tanto,

c’è fissa ormai ‘na nuvolaccia nera.

***

Ce sta pure er termometro ch’è affranto

sta tanto giù porello, e manco spera

de aritirasse su, ch’è ‘na chimera

co ‘na giannetta a urlaje in controcanto.

***

De notte, poi, ce dicono l’esperti,

potrebbe èsse che arifà du’ fiocchi,

nun sò sicuri, ovvio, né sò certi.

***

Noi ner frattempo aprimo bene l’occhi

senza bisogno de tenelli aperti,

la neve pòi vedé quanno t’abbiocchi.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. Giusto così, sarebbe Primavera,
    armeno l’astrologgica sortanto,
    ché a guardà in su, si tanto me da tanto,
    c’è fissa ormai ‘na nuvolaccia nera. … (continua)

    Comment by Stefano — 21 Marzo 2018 @ 07:18
  2. Benvenuta primavera, facciamola entrare anche bagnata e infreddolita che tanto il sole alla fine vince sempre. E poi ‘sto maltempo se sa… è colpa della Raggi!

    Comment by Silvio — 21 Marzo 2018 @ 09:07
  3. Famose coraggio ecercamo d’affronta’ sta Primavera, cosi come vie’. Già sta matina sembra ch’avesse da veni’ giù tutto er monno, poi stamo a vede’ ch’ariva er sereno.
    N o! Nun è ‘a Raggi, è tutto er monno ch’è diventato ‘nfame e sta a rovinà sto globo sospesso ner vòto.

    Comment by 'svardo — 21 Marzo 2018 @ 09:32
  4. Questo sonetto è proprio bello!
    La Primavera verrà, prima o poi dovrà pur finire questo maltempo!
    Buon inizio di Primavera!

    Comment by maria letizia — 21 Marzo 2018 @ 10:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>