Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

9 maggio 2018

Vero pericolo

Vero pericolo

***

So’ scemo io che ancora che protesto

quanno che sto in attesa a la fermata

e aspetto er bus più o meno ‘na giornata,

senza che quello arivi e faccia er gesto …

***

… d’aprì le porte,  come a dì chiamata,

e me ce metto ‘gni giorno più presto,

speranno passi er mezzo un po’ più lesto

de ‘na lumaca, quann’è rallentata.

***

Ché visto come sta l’A.T.A.C. adesso

c’è da sperà che nun arivi mai

er mezzo ‘ndó salì e chiede permesso.

***

Qui co ‘st’azzienda che sta tanto a pezzi

er giorno più tranquillo, casomai,

è quanno c’è sciopero de li mezzi.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. So’ scemo io che ancora che protesto
    quanno che sto in attesa a la fermata
    e aspetto er bus più o meno ‘na giornata,
    senza che quello arivi e faccia er gesto … (continua)

    Comment by Stefano — 9 maggio 2018 @ 05:51
  2. L’efficienza dei mezzi pubblici a Roma è ancora una lontana speranza

    Comment by Silvio — 9 maggio 2018 @ 08:50
  3. Per fortuna, da quando sto in pensione, ho smesso di prendere i mezzi pubblici, che veramente a Roma sono vergognosi! Quando miglioreranno qualcosa per questa mia bellissima e amata città, sarà sempre troppo tardi!
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 9 maggio 2018 @ 10:57
  4. Spero che ‘n giorno se verà a sape’ er perché de st’incidenti. Me pare troppo strano che stanno a succède’ solo da ‘n par d’anni a sta parte; gniente, gniente ce fosse da fa’ ‘n pò de pulizzia ‘n certi gruppetti d’operatori?

    Comment by 'svardo — 9 maggio 2018 @ 13:01

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>