Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

12 giugno 2018

Nun te lo faccio

Nun te lo faccio

***

Nun te lo faccio no, quer ber sonetto,

che guarda un po’ me chiedi propio adesso,

sò anni che li scrivo e mai è successo,

che me chiedessi de rimà in dialetto.

***

E mó co ‘st’argomento  … e che so’ fesso?!? …

de li migranti e porti cor lucchetto,

tu caso strano me poni l’oggetto,

come pe dì … visto che croce hai messo?

***

A parte che nun ho votato lega,

ma ‘sta soddisfazzione da du’ sordi,

nun te la levo no, ma chemmefrega …

***

Rassegnate, la rima te la scordi,

e passa meno er tempo co ‘sta bega,

stai troppo a rosicà, così te mordi!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Nun te lo faccio no, quer ber sonetto,
    che guarda un po’ me chiedi propio adesso,
    sò anni che li scrivo e mai è successo,
    che me chiedessi de rimà in dialetto. … (continua)

    Comment by Stefano — 12 giugno 2018 @ 05:07
  2. Il tema migrazione è troppo complesso per commentarlo con una battuta. Il grande progetto dei padri fondatori dell’Europa unita è rimasto incompiuto se non si affronta unitariamente la questione e non si mettono in campo politiche serie per regolare il fenomeno.

    Comment by Silvio — 12 giugno 2018 @ 10:17
  3. Intanto chi ci rimette sono quei poveri migranti, (donne incinte, bambini, vecchi, ecc.), sballottati in giro come sacchi! spero che si trovi una soluzione decente.
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 12 giugno 2018 @ 10:53

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>