Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Luglio 2018

Roma in rima: un novo inizzio

Roma in rima: un novo inizzio

***

Hai da imparà in quarziasi situazzione,

che tutto poi te pò venì a vantaggio,

pur quanno che te prenne lo scoraggio,

co tutto er monno contro a dà er magone.

***

Quer ch’è successo a me in de ‘sto paraggio,

cor sito che m’è ito in confusione,

era sparito tutto e ‘gni mia azzione

faceva pure peggio, guasi a ortraggio.

***

E invece co ‘sto fatto ch’è successo

co l’assistenza de gente provetta,

ho resettato tutto, anche me stesso.

***

Ce vole ‘na strijata, è benedetta,

pe damme er conto che succede spesso

che da ‘na storta viè ʼna linea retta.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Hai da imparà in quarziasi situazzione,
    che tutto poi te pò venì a vantaggio,
    pur quanno che te prenne lo scoraggio,
    co tutto er monno contro a dà er magone. … (continua)

    Comment by Stefano — 26 Luglio 2018 @ 05:07
  2. Sovente dico a me stessa che non tutto il male vien per nuocere! E adesso tu ne hai avuta la prova: è iniziata una nuova Vita! AUGURI!
    Buona Giornata.

    Comment by maria letizia — 26 Luglio 2018 @ 08:54
  3. Bongiorno! Li vecchi diceveno: “se chiude ‘na porta e s’opre ‘n portone”. Poi te stesso, ‘n varì sonetti, esorti a nun perde ‘a fiducia, pure si pare che le cose vanno a rovescio, perché a la fine c’è sempre quarche santo che te da ‘na mano.

    Comment by 'svardo — 26 Luglio 2018 @ 09:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>