Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

13 settembre 2018

La vera scòla

La vera scòla

***

La vera scòla è quella che cià inizzio

o co l’asilo o in prima elementare,

ma co un aspetto suo particolare,

de avé un comincio, ma pe un granne sfizzio …

***

… nun mai ‘na fine, anche più der mare,

pe dilla mejo, anche ortre l’ospizzio,

fin quanno Sora Vita toje er vizzio

e lassa l’omo ch’era er suo compare.

***

Quello che cambia è solo er nome usato

da ‘gni scolaro, quanno ch’è un bimbetto,

a quanno cresce, inzino ar penzionato.

***

La vera scòla inizzia quann’è autunno,

ma dura sempre, cambia ossia de aspetto,

facenno OMO quer che prima è ALUNNO.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. La vera scòla è quella che cià inizzio
    o co l’asilo o in prima elementare,
    ma co un aspetto suo particolare,
    de avé un comincio, ma pe un granne sfizzio … (continua)

    Comment by Stefano — 13 settembre 2018 @ 05:35
  2. Bongiornio. Ber sonetto, che se potrerbbe confronta’ co’ “La vita de l’Omo” der grande G. Belli.

    Comment by 'svardo — 13 settembre 2018 @ 09:48
  3. Non si finisce mai di imparare. Gli esami non finiscono mai. La vita è una prova continua. Insomma, a qualunque età quando non ci sottraiamo alle sfide siamo perennemente alunni nella personale “scuola di vita”!

    Comment by Silvio — 13 settembre 2018 @ 10:28
  4. E’ proprio vero, non si finisce mai d’imparare “…fin quanno Sora Vita toje er vizzio…”
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 13 settembre 2018 @ 12:35

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>