Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

19 settembre 2018

Un’estate senza fine

Un’estate senza fine

***

Capisco, ce sta pure a chi je piace

‘sto callo che nun se ne va più via,

temperature guasi da asfissia,

cor sole ch’è graticola pe brace.

***

A lujo, e agosto a faje compagnia,

l’accetti, ch’è staggione, a nun pià pace

co l’afa e la zanzara più mordace

che nun dà tregua manco pe maggìa.

***

Ma a settembre, e dopo metà mese,

co ancora a palla er climatizzatore,

ciò er senzo der bon-ton nun propio ingrese.

***

Nun aripeto, perché so’ un signore,

quello che m’esce, pure a più riprese,

‘gni vorta che me ‘nzuppo de sudore.

***

Stefano Agostino

__________________

***

  1. Capisco, ce sta pure a chi je piace
    ‘sto callo che nun se ne va più via,
    temperature guasi da asfissia,
    cor sole ch’è graticola pe brace. … (continua)

    Comment by Stefano — 19 settembre 2018 @ 05:44
  2. Bongiorno! E’ Mercordì e stanotte ha dato ‘na rifrescatina, speramo che oggi, p’armeno ‘na bòna mezzagiornata, ce da ancora ‘n’artra spruzzata e nun lamentamoce si piove. Daje che dopodomani è Venardì!

    Comment by 'svardo — 19 settembre 2018 @ 06:50
  3. “…ciò er senzo der bon-ton nun propio ingrese.
    Nun aripeto, perché so’ un signore…”
    Questo è lo stile che più mi piace, ironico, sottile, arguto. Stile tipicamente romano, dove c’è sempre quel pizzico di umorismo che sdrammatizza, alleggerisce e smorza contenuti e toni. Bravo Stè!

    Comment by Silvio — 19 settembre 2018 @ 10:27
  4. Sento che tanti si lamentano per il gran caldo! Io, per fortuna, non lo sento!
    Buona serata (calda)!

    Comment by letizia — 19 settembre 2018 @ 17:36

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>