Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Ottobre 2018

Sur traffico de Roma

Sur traffico de Roma

***

De traffico qui a Roma n’ho trattato

che si ammalloppo assieme li sonetti,

ce faccio un’ode, un fracco de verzetti,

cor gioco a ennecasillabbo tracciato.

***

Ma datosi che nun sò mai perfetti,

è bene aritornà su ‘sto serciato,

perché qui a Roma più che ‘mbottijato,

ner traffico ce vivi amori e affetti.

***

Fai conoscenza ar primo stop, ch’è rosso,

cominci a chiacchierà, tanto nun scatta,

eppoi pure che scatta … chi s’è mosso?

***

‘Na chiacchiera e se passa, gratta gratta,

a innamorasse, che ce sarti er fosso,

du’ còri e ‘na capanna ch’è de latta.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. De traffico qui a Roma n’ho trattato
    che si ammalloppo assieme li sonetti,
    ce faccio un’ode, un fracco de verzetti,
    cor gioco a ennecasillabbo tracciato. — (continua)

    Comment by Stefano — 26 Ottobre 2018 @ 05:38
  2. Beh, è già una bella cosa se nel traffico impazzito uno riesce a intrecciare una relazione amorosa! Succede, piuttosto, che le imprecazioni si sprecano.
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 26 Ottobre 2018 @ 16:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>