Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2018-19

3 novembre 2018

Fiorentina – Roma

Fiorentina – Roma: 1-1

***

Stavorta tocca a noi pià un pareggio

dop’èsse stati guasi sempre sotto,

in un campaccio, da cui esci rotto

più spesso assai de quanno ce fai un freggio.

***

Un pari che dà un punto nun è motto

pe arivà lassù, ma dà un ber seggio,

ner senzo che poteva annà ben peggio,

e caro se pagava qui lo scotto.

***

La Roma se l’è tutto meritato,

e pe ‘na vorta, quanno che perdeva,

se l’è giocata e va conziderato.

***

‘Sta cosa infatti già nun succedeva

dar tempo circa, guasi, approssimato,

solo un po’ prima de Adamo e Eva.

***

Stefano Agostino

***

  1. Stavorta tocca a noi pià un pareggio
    dop’èsse stati guasi sempre sotto,
    in un campaccio, da cui esci rotto
    più spesso assai de quanno ce fai un freggio. … (continua)

    Comment by Stefano — 3 novembre 2018 @ 21:17
  2. Si posso prova’ a fa ‘na rima, te faccio questa:
    “solo un po’ prima de Adamo e Eva”,
    avemo subito ‘n rigore che nun c’era!
    Ma la partita l’ha fatta la Roma. L’arbtro ha rifiutato la VAR, perché s’è ricordato der mestiere ch’ha fatto ‘a madre pe’ fallo cresce e che venerdì aricoreveno li sua!

    Comment by Romamor ASR'29 — 4 novembre 2018 @ 01:53
  3. Abbiamo avuto solo un po’ di fortuna! Con una squadra ormai smantellata non riusciamo più a vincere. Grazie pallotta, grazie monchi, quando ve ne andrete sarà una liberazione.

    Comment by letizia — 4 novembre 2018 @ 13:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>