Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

29 Marzo 2010

Er gabbinetto

Tags: , , ,

gabinetto

Er gabbinetto

***

Ma quanti nomi cià er Gabinetto!

Sin da li tempi antichi Vespasiano,

via via poi Ritirata o er più romano,

chiamato Cesso, p’èsse presto detto.

***

Servizzio, pe’ specifica’ er vano,

Latrina si sei più cacazibbetto,

Pitale si lo porti co’ te a letto,

o Bagno si ce l’hai uno pe’ piano.

***

“Tualett”, si fai er preciso e l’educato,

a vòrte detto anche Doppio Zero,

ma sempre ‘n fonno a destra poi è piazzato.

***

Chiamalo come vòi, sarò sincero,

m’emporta solo che nun sia occupato,

come ‘n’amico, ner bisogno vero.

***

Stefano Agostino

____________________________

  1. Giochi con le parole che è ‘na bellezza Stè. Il tema della composizione odierna mi suscita, come dire, un senso di …evacuazione!

    Comment di Silvio — 29 Marzo 2010 @ 13:44
  2. L’ambiente po’ esse’ bello e luminoso oppure buio e ner degrado, ma quanno che te scappa nun ce fai caso: cori a liberatte co’ sverto passo

    Comment di 'svardo — 29 Marzo 2010 @ 15:55

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>