Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Dicembre 2018

Nu’ je lo dite mai

Nu’ je lo dite mai

***

Nu’ je lo dite mai a li pupetti,

nemmanco quanno che sò grannicelli,

de Santa Claus chi è, e l’indovinelli

lassatejeli fà da regazzetti.

***

Nu’ je lo dite manco da pischelli,

nemmeno quanno metteno pizzetti,

lassate aperti ancora li cassetti

de sogni de ‘sti giovanotti belli.

***

Ma manco da regazzi dite gnente,

nun risponneteje a chi ve chiede

“chi è Babbo Natale veramente?”

***

E che vor dì, così, che nun se vede?

C’è un gran bisogno ancora, tra la gente,

de Santa Claus … e fatecela crede.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Nun je lo dite mai a li pupetti,
    nemmanco quanno che sò grannicelli,
    de Santa Claus chi è, e l’indovinelli
    lassatejeli fà da regazzetti. …

    Comment di Stefano — 20 Dicembre 2018 @ 05:45
  2. Le fiabe più belle non si devono spiegare nè distruggere: sono il dolce della vita!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 20 Dicembre 2018 @ 10:52
  3. Sono d’accordo, è bene lasciare ai piccoli l’alone di mistero che circonda questa figura che fa sognare, immaginare, fantasticare, illudere, sperare, desiderare l’irrealizzabile! Io ho sempre sospettato che Santa Claus fosse un uomo dei servizi segreti sotto copertura, una spia con la scusa dei regali… ahahah

    Comment di Silvio — 20 Dicembre 2018 @ 11:25

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>