Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Gennaio 2019

Ciao Julen

Ciao Julen

***

Accomunato da la stessa sorte,

de ‘na traggedia assurda, tu bambino,

come quer pòro pupo de Arfredino,

stessa malaugurata infame morte.

***

Ché come lui quer giorno a Vermicino,

finito in dentr’a un pozzo senza scorte,

nun ce l’hai fatta … e che giornate corte

oh piccolo Julen ner tuo destino.

***

Ce l’hai pure ner nome l’angioletto

che anche quaggiù, tra noi, sei sempre stato,

nun solo adesso che lo sei perfetto …

***

… ner Monno novo ‘ndó  tutto è incantato,

da ‘ndove chi cià l’occhi da pupetto,

nun pò cadé mai più e vive beato.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Accomunato da la stessa sorte,
    de ‘na traggedia assurda, tu bambino,
    come quer pòro pupo de Arfredino,
    stessa malaugurata infame morte. …

    Comment di Stefano — 26 Gennaio 2019 @ 08:19
  2. Povero bambino! La cosa peggiore è la disperazione dei genitori: lui ormai vive beato tra le braccia amorose di Maria SS.ma tra gli Angeli e i Santi.

    Comment di letizia — 26 Gennaio 2019 @ 10:02
  3. Grazie Ste’! Co sto sonetto hai saputo trova’ le parole giuste e Letizia ha commentato giustamente quale pò esse’ er cordojo de li genitori e de tuti quelli che, disperatamente, hanno lavorato ner, purtroppo, inutile tentativo de sarvallo! A>Z vòrte, ‘a mancanza de responsabiità dell’omo, provoca disgrazie e dolori. Chissà se chi aveva er dovere de copri’ quei du’ pozzi ( Arfredino e Julien), sente quarche rimorzo?!

    Comment di 'svardo — 26 Gennaio 2019 @ 17:28

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>