Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

12 Febbraio 2019

Er senzo d’umorismo

Er senzo d’umorismo

***

Er senzo d’umorismo è quela dote,

che nun è dispenzata propio a tutti,

der resto se pò èsse belli o brutti,

enormi geni oppure zucche vòte.

***

Chi cià ‘gni dote è bene che la sfrutti:

pò scrive, disegnà, scorpì o dà note

o incantà co l’arti, le più ignote,

che porteno p’er monno granni frutti.

***

Una de queste è er senzo d’umorismo,

che sempre spigne a sceje la risata,

invece de cascà ner pessimismo.

***

Chi nun ce l’ha, cià spesso der patetico,

che annisconne un’anima jellata

che nun sa ride manco cor solletico.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

  1. Er senzo d’umorismo è quela dote,
    che nun è dispenzata propio a tutti,
    der resto se pò èsse belli o brutti,
    enormi geni oppure zucche vòte. …

    Comment by Stefano — 12 Febbraio 2019 @ 05:38
  2. Il senso dell’umorismo è soprattutto saper ridere di se stessi, ma mica tutti ce l’hanno (i laziesi per esempio), ma forse lo tengono nascosto! Chissà…
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 12 Febbraio 2019 @ 09:34

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>