Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani

3 Aprile 2019

L’ascenzore

L’ascenzore

***

‘Na situazzione certa de imbarazzo,

è quanno ch’hai da prenne l’ascenzore,

co chi, tu nun conosci, sia avventore,

pe quarche caso strano der palazzo.

***

“Che piano?” – chiedi pe sembrà un signore,

intanto speri er primo … ma che cazzo …

lui t’arisponne … “Io vado in terazzo”,

e tu stai ar sesto … pe salì … tre ore.

***

“Che tempo” – provi a dì … mazzo de chiavi,

te guardi attorno … e conti poi li piani …

primo, seconno … ah si ce abbitavi…

***

Ariva finarmente ar piano sesto

e co un soriso che nun cià domani,

“Arivederci” – dici, … mica “a presto”.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. ‘Na situazzione certa de imbarazzo,
    è quanno ch’hai da prenne l’ascenzore,
    co chi, tu nun conosci, sia avventore,
    pe quarche caso strano der palazzo. …

    Comment di Stefano — 3 Aprile 2019 @ 05:54
  2. P’evità brutti incontri è mejo fà le scale…

    Comment di Silvio — 3 Aprile 2019 @ 09:05
  3. Bellissimo! Hai descritto perfettamente l’atmosfera che si crea in ascensore quando c’è qualcuno che non si conosce! Fare le scale a piedi sarebbe bello, se non si abita al quarto o quinto piano!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 3 Aprile 2019 @ 10:39
  4. Mannaggia!
    Stavo concentrato a leggeme co’ piacere la poesia dell’Ascensore e me so’ dimenticato de scenne ar piano mio, mo’ me tocca anna’ fino…….ar terrazzo!

    Comment di romano cb — 3 Aprile 2019 @ 23:29

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>