Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

6 Aprile 2019

Tutto è incomincià

Tutto è incomincià

***

A vorte basta fà quer primo passo

che tutti l’artri poi vengheno appresso,

anzi ben più che a vorte, direi, spesso,

che è parente a sempre, un poco lasso.

***

E quer cammino che arivedi adesso,

si certo nun è guasi mai ‘no spasso,

però è meno tortuoso e da sconquasso,

de quer che te credevi da te stesso.

***

Ché fatto er primo, da che stavi affisso,

te movi sempre mejo, guasi scosso,

fin’a annà dritto, pe evità ‘gni abbisso.

***

E mano a mano córi da watusso,

pe poi raggiunge, sur tappeto rosso,

la porta ar tuo obbiettivo a dije: “busso”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. A vorte basta fà quer primo passo
    che tutti l’artri poi vengheno appresso,
    anzi ben più che a vorte, direi, spesso,
    che è parente a sempre, un poco lasso. …

    Comment di Stefano — 6 Aprile 2019 @ 07:39

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>