Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

3 Maggio 2019

Fà un passo indietro

Fà un passo indietro

***

A vorte c’è da fàllo un passo indietro,

pure che nun ce va e costa fatica,

tocca inghiottì quer rospo o sarapica,

anche si er passo è assai meno d’un metro.

***

C’è da venisse incontro … certo, mica

s’ha da restà aroccati ar muro addietro,

ma un’anima che sia scheggia de vetro

nun riesce a chiude tutto co ‘no “stica…”

***

Quanno che s’è feriti in der profonno,

pe un briciolo dovuto de rispetto

ar propio io, che rischia d’annà a fonno …

***

… nun sempre se pò dì … tutto è perfetto,

nun è successo gnente, è come er monno

che invece d’èsse tonno è un piano retto.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

  1. A vorte c’è da fàllo un passo indietro,
    pure che nun ce va e costa fatica,
    tocca inghiottì quer rospo o sarapica,
    anche si er passo è assai meno d’un metro. …

    Comment di Stefano — 3 Maggio 2019 @ 05:37
  2. Credo che sia bono ogni tanto quel quarcosa che ce riporta co’li piedi pe’ tera.
    E poi “un passo indietro” prima di riprenne …..a corre!

    Comment di romano cb — 3 Maggio 2019 @ 17:43
  3. A volte bisogna fare un passo indietro, per poter andare avanti!
    Buona serata.

    Comment di letizia — 3 Maggio 2019 @ 20:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>