Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

10 Giugno 2019

Domanna de ‘gni lunedì matina

Domanna de ‘gni lunedì matina

***

Quanno me svejo er lunedì matina,

me sàrta sempre in mente ‘sta domanna,

ma er fine settimana a noi ce inganna?

Ch’è così lento che mai s’avvicina …

***

… ma poi ce mette un attimo ce accanna,

nun ce dà er tempo de staccà la spina,

che già arisona la sveja aguzzina,

è lunedì de novo che comanna.

***

Nun pò durà davero pe du’ giorni,

ce frega a tutti er fine settimana,

er tempo de arivà e già te scorni …

***

… cor lunedì che oggi te se spana,

e già sei lì che attenni che aritorni,

ma viè da la galassia più lontana.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Quanno me svejo er lunedì matina,
    me sàrta sempre in mente ‘sta domanna,
    ma er fine settimana a noi ce inganna?
    Ch’è così lento che mai s’avvicina …

    Comment di Stefano — 10 Giugno 2019 @ 05:30
  2. Il lunedì mattina è una calamità naturale inevitabile e continuativa, come le zanzare, la sveglia aguzzina, il dentista, la pioggia in scooter, una medicina ripugnante, le trattenute in busta paga, le ingiustizie sociali…

    Comment di Silvio — 10 Giugno 2019 @ 09:41
  3. Il lunedì mattina si ripresenta ineluttabilmente tutte le mattine di inizio settimana! Io, ormai, non ci faccio più caso (chissà per quanto ancora)!!!
    Buon pomeriggio!

    Comment di letizia — 10 Giugno 2019 @ 16:06

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>