Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

15 Giugno 2019

Ciao Franco Zeffirelli

Ciao Franco Zeffirelli

***

Tu resterai pe sempre in fonno ar còre,

pe quer Gesù de Nazareth diretto,

nun tanto perché era er firm perfetto,

ma è p’er messaggio suo de vero Amore.

***

Co l’occhi mia sgranati de bimbetto,

ce l’ho tra li ricordi cor colore,

fin’a scanzà lo sguardo p’er dolore

de l’Omo appeso in Croce e quer Suo aspetto.

***

È anche grazzie ar tuo capolavoro,

ne hai fatti tanti artri tutti granni,

che credo in Dio e ancora me ‘nnamoro …

***

.. a rigurdà quer firm … lo faccio sempre …

e lo farò finché potrò ne l’anni …

ciao Franco, omo vero d’artre tempre.

***

Stefano Agostino

_____________________

*** 

  1. Tu resterai pe sempre in fonno ar còre,
    pe quer Gesù de Nazareth diretto,
    nun tanto perché era er firm perfetto,
    ma è p’er messaggio suo de vero Amore. …

    Comment di Stefano — 15 Giugno 2019 @ 16:35
  2. Questa poesia che ricorda Franco Zeffirelli è bellissima: ha rievocato in me tutte le cose che ho provato quando a suo tempo ho visto il film su Gesù e non solo quello! R.i.P. Franco!

    Comment di letizia — 15 Giugno 2019 @ 17:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>