Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

21 Giugno 2019

Estate 2019

Estate 2019

***

Novembre s’è aripresentato a maggio,

co quele pioggie miste ar freddo, a intrujo,

e invece giugno pare uguale a lujo,

da fà vedé le nuvole a miraggio.

***

Si nun tardava a maggio a fasse buio,

c’era de certo un quarche depistaggio,

co quer tempo d’autunno de passaggio,

in mezzo a un calennario in gran subbujo.

***

Se sta a occupà ‘sto giugno de fà estate,

quanno c’era da stà in Primavera,

ch’è stata inverno pe tante giornate.

***

Chissà come sarà ‘st’estate vera,

che oggi apre er sipario a le sue date,

ve l’auguro sia ‘gnuno come spera.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. Novembre s’è aripresentato a maggio,
    co quele pioggie miste ar freddo, a intrujo,
    e invece giugno pare uguale a lujo,
    da fà vedé le nuvole a miraggio. …

    Comment di Stefano — 21 Giugno 2019 @ 05:30
  2. Adoro l’estate, il caldo, le giornate lunghe, la suadente luce del tardo pomeriggio, cenare all’aperto, vestire leggero, il cocomero, il gelato sulla spiaggia, fare sport all’aria aperta. God save the summer!

    Comment di Silvio — 21 Giugno 2019 @ 09:42
  3. W l’estate con il sole, gli abiti leggeri e le cene in terrazza! Auguro a tutti una lunga e buona Estate.

    Comment di letizia — 21 Giugno 2019 @ 11:42
  4. Tutti d’accordo: God give us more Summer!

    Comment di romano cb — 21 Giugno 2019 @ 17:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>