Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

2 Luglio 2019

Spunto pe ‘no spuntino

Spunto pe ‘no spuntino 

***

Pizza e mortazza, rosa cor salame

e, perché no, ciriola cor preciutto,

abbasta nominalli e hai detto tutto,

nun serve pe magnalli avecce fame.

***

Ché quella già te viè quanno l’asciutto,

in bocca s’acquolina pe le brame,

de addentà l’inzieme da reame,

de ‘gnuna de ‘ste coppie da gran frutto.

***

Ma quale bocconcino o apericena,

ma quale merendina riscallata,

ma quali “veganate” da fà pena.

***

Mortazza, cor salame o ‘na cartata

de ber preciutto sò la gioia piena,

de chi sta a dieta pe mezza giornata.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Pizza e mortazza, rosa cor salame
    e, perché no, ciriola cor preciutto,
    abbasta nominalli e hai detto tutto,
    nun serve pe magnalli avecce fame. …

    Comment di Stefano — 2 Luglio 2019 @ 04:23
  2. Pizza bianca calda croccante aperta con dentro prosciutto crudo e fichi, patrimonio immateriale dell’umanità!

    Comment di Silvio — 2 Luglio 2019 @ 08:24
  3. Mmmmmmm! La colazione de Domenica mattina! Pura poesia! ……..e come il grande maestro…….
    “Che intendere non puo’………chi non la prova”!

    Comment di romano cb — 2 Luglio 2019 @ 10:58
  4. Stamattina una vera poesia: Basta guardare la foto e leggere il sonetto che ti viene una fame da lupo! Che c’è di più bello e buono? Camminare nel verde, mangiando un panino come quello, ti riconcilia con la vita!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 2 Luglio 2019 @ 11:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>