Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

21 Agosto 2019

Palla a Mattarella

Palla a Mattarella

***

Conte così mó dà le dimissioni,

la palla quinni passa a Mattarella,

co l’incertezza a fà da sentinella,

tra un governo novo e l’elezzioni.

***

Ner mezzo c’è un Paese che sbarella,

che come je succede a li barconi,

sta in arto mare, tra li cavalloni,

e nun se orienta ché manca ‘na stella.

***

Ma questo sembra je ‘nteressi zero,

a chi de ‘sto macello è er vero attore,

e nun cià artro scopo né penziero …

***

… de commannà da solo, cor timore,

che s’ariviva un artro tempo nero,

pe ‘sto Paese privo de motore.

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Conte così mó dà le dimissioni,
    la palla quinni passa a Mattarella,
    co l’incertezza a fà da sentinella,
    tra un governo novo e l’elezzioni. …

    Comment di Stefano — 21 Agosto 2019 @ 04:37
  2. E’ difficilissimo perseguire l’interesse comune se ciò che prevale è sempre quello personale, settario e lobbista. L’Italia è purtroppo un insieme di individui dove ognuno guarda al proprio orticello. Non è più il tempo di statisti illuminati né di grandi ideologie.

    Comment di Silvio — 21 Agosto 2019 @ 09:31
  3. ………….un’altra grande delusione!

    Comment di romano cb — 21 Agosto 2019 @ 11:06
  4. Spero che finisca bene anche se non ci credo, perchè questi pensano solo a se stessi!
    Buon pomeriggio.

    Comment di letizia — 21 Agosto 2019 @ 15:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>