Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

22 Agosto 2019

Sò ricicciati tutti

Sò ricicciati tutti

***

In tutto ‘sto casino der momento,

ricicciano perzino Sirvio e Renzi,

ché nun ce credi manco si ce penzi,

che ancora mai potessero fà vento.

***

E invece eccoli là, li sguardi intenzi,

de chi sa tutto e conta fino a cento,

prima de intervenì … ma lento lento

ritorna a commannà in tutti li senzi.

***

Cor gioco de l’unioni e maggioranze

pe mette in piedi già un novo governo,

rieccoli a contà pesi e sostanze.

***

Pe commannà su un popolo in eterno,

a rimpinzà così portrone e panze,

in de un Paese ch’è già un mezzo inferno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. In tutto ‘sto casino der momento,
    ricicciano perzino Sirvio e Renzi,
    ché nun ce credi manco si ce penzi,
    che ancora mai potessero fà vento. …

    Comment di Stefano — 22 Agosto 2019 @ 05:44
  2. La politica è sporca un po’ ovunque ma nel nostro Paese manca anche di dignità e di decenza!

    Comment di Silvio — 22 Agosto 2019 @ 10:00
  3. …….tra le altre cose mancano “anche di dignità e di decenza!”
    Sembra che tutti siano d’accordo su quanto sopra. Ma allora come mai si continua sempre a votarli e rivotarli?
    Al che viene spontanea la domanda: Il problema vero sono loro o chi continua a ridargli il voto?

    Comment di romano cb — 22 Agosto 2019 @ 17:23
  4. Ma se tutti non votassero, forse (e dico FORSE) capirebbero che non li vogliamo più!

    Comment di letizia — 23 Agosto 2019 @ 11:12

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>