Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

23 Agosto 2019

Amazzonia in fumo

Amazzonia in fumo

***

E prima la Sibberia, eppoi l’Alaska,

adesso anche un ber pezzo de Amazzonia,

chissà si quarchiduno ce lo conia,

er termine p’er foco a chi je casca.

***

Fuss’anche er posto che sta più in culonia,

c’è che ‘sta Tera cià piena ‘gni tasca,

de l’omo che j’ha tòrto fauna e frasca,

o che cià fatto ‘na gran macedonia.

***

E mó s’aritrovamo co le pezze,

cor clima ch’è ammattito tutt’a un botto,

e abbrucieno ‘ste fonti de ricchezze.

***

Ma guai a dì, pe nun pagà ‘sto scotto,

da smette co emissioni de schifezze,

ché chi commanna dice: “Me ne fotto”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

 

  1. E prima la Sibberia, eppoi l’Alaska,
    adesso anche un ber pezzo de Amazzonia,
    chissà si quarchiduno ce lo conia,
    er termine p’er foco a chi je casca. …

    Comment di Stefano — 23 Agosto 2019 @ 05:30
  2. Strana razza quella umana, capace di innescare consapevolmente un irreversibile circolo vizioso di autodistruzione: demolisce l’unica barca sulla quale galleggia, sperpera preziose risorse sapendo che si esauriranno, contamina acque e terre delle quali si nutre, inquina l’aria che respira.

    Comment di Silvio — 23 Agosto 2019 @ 10:48
  3. Siamo veramente arrivati alla fine o, forse, ancora c’è qualche speranza? Tra l’Amazzonia, la Siberia e l’Alaska che bruciano, penso che sia molto difficile andare avanti! All’uomo purtroppo interessa solo il dio denaro, ma quello poi non te lo mangi e non lo respiri!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 23 Agosto 2019 @ 11:18

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>