Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

27 Agosto 2019

Incollati a la portrona

Incollati a la portrona

***

È tutto un giro de conzurtazzioni,

tra inciuci e accordi pe rifà er Governo,

co tutti a cercà aiuti da l’esterno,

pe scongiurà possibbili elezzioni.

***

‘Gni piccolo partito fa da perno,

a regge er novo assetto tra fazzioni,

abbasta da evità le votazzioni,

che vanno a mette a rischio er sempiterno …

***

… e unico obbiettivo der potere,

ch’è quello de nun perde la portrona,

ariscallata grazzie a quer sedere …

***

… cui s’è incollata, pe restà ar Palazzo,

così che allora poi ‘gni scusa è bona,

pe nun scrollasse mai da sopr’ar c….

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. È tutto un giro de conzurtazzioni,
    tra inciuci e accordi pe rifà er Governo,
    co tutti a cercà aiuti da l’esterno,
    pe scongiurà possibbili elezzioni. …

    Comment di Stefano — 27 Agosto 2019 @ 05:28
  2. La politica è sporca, si sa, l’aggravante è che nel suo nome si può dire tutto e il suo contrario, per ragioni di principio o di convenienza a seconda della circostanza. La politica è viscida perché sfugge alla logica del buon senso, risponde solo a interessi personali o di categoria

    Comment di Silvio — 27 Agosto 2019 @ 09:59
  3. Sonetto molto veritiero: la cosa più importante (per loro) è non mollare quella poltrona alla quale sono incollati! fanno proprio schifo.
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 27 Agosto 2019 @ 09:59

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>