Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

10 Settembre 2019

Minestra concallata

Minestra concallata

***

Ciànno ‘mbottito ancora de promesse,

“faremo questo noi e anche quello,

ve sarveremo noi da ‘sto macello,

noi novi der PD e de cinque esse”.

***

Me sbajo io però o sò le stesse

perzone che, dopo lo scampanello,

già ciànno governato e co un girello,

le votazzioni l’hanno fatte fesse?

***

Ma come sempre er popolo che conta?

Er due de coppe si regna bastoni,

e un’artra vorta ‘sta nazzione è pronta …

***

… a strigne cinghie a li pantaloni,

fin quanno rimarà solo l’impronta,

ben evidente de li du’ cojoni.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Ciànno ‘mbottito ancora de promesse,
    “faremo questo noi e anche quello,
    ve sarveremo noi da ‘sto macello,
    noi novi der PD e de cinque esse”. …

    Comment di Stefano — 10 Settembre 2019 @ 05:34
  2. Vulpem pilum mutare, non mores. La volpe cambia il pelo ma non le abitudini (Svetonio)

    Comment di Silvio — 10 Settembre 2019 @ 09:44
  3. Ancora continua lo stesso teatrino, del quale conosciamo già l’inizio e la fine. Che palle!
    Buona giornata.

    Comment di letizia — 10 Settembre 2019 @ 14:07

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>