Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Ottobre 2019

Malaticcio

Malaticcio

***

Du’ gocce d’acqua, un refolo de vento,

‘na nuvoletta certo passeggera,

te sò bastati pe avé ‘sta cera,

che pare un due novembre un po’ più spento.

***

Stranuti come fà ‘na cimignera,

cor mar de gola che te strigne lento,

er mar de capa in accrescimento,

e co ‘na febbre che sale de sera.

***

È che vai in giro come fusse agosto,

pefforza che te prenni poi un malanno,

ché la matina presto punge tosto.

***

Nun te rassegni, e questo è er vero danno,

che nun ciài più ventanni e tutt’apposto 

nun lo pòi dì a quelli che lo sanno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Du’ gocce d’acqua, un refolo de vento,
    ‘na nuvoletta certo passeggera,
    te sò bastati pe avé ‘sta cera,
    che pare un due novembre un po’ più spento. …

    Comment di Stefano — 3 Ottobre 2019 @ 08:29
  2. “Poi dice che uno si prendono i catarri…” recitava il grande Eduardo. Rimettiti amico mio!

    Comment di Silvio — 3 Ottobre 2019 @ 09:37
  3. Purtroppo di mattina fa freschetto, per cui bisogna coprirsi!
    Per quanto riguarda il Pensiero del Giorno abbiamo già vinto il campionato degli infortunati!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 3 Ottobre 2019 @ 10:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>