Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Ottobre 2019

“Ottembre”


“Ottembre”

***

Sta a fà un ottobbre da inizzio settembre,

de certo è ancora tempo d’annà ar mare,

ché l’ottobbrate a arcuni tanto care,

sò un’artra cosa … come dì “ottembre”.

***

È er tempo che ormai fa come je pare,

chissà come sarà prima novembre,

poi si verrà l’inverno pe dicembre,

o c’è staranno ancora le zanzare.

***

Magnamo er cocco misto a callaroste,

tanto pe dà parvenza de staggione,

e cor bagnino a vendemmià e fà l’oste.

***

A seguità così l’arta pressione,

ar tempo de Natale, a piene coste,

cocommero farà da panettone.

***

Stefano Agostino

______________________

***

  1. Sta a fà un ottobbre da inizzio settembre,
    de certo è ancora tempo d’annà ar mare,
    ché l’ottobbrate a arcuni tanto care,
    sò un’artra cosa … come dì “ottembre”. …

    Comment di Stefano — 23 Ottobre 2019 @ 05:24
  2. Dolci ottobrate romane. E’ anche vero che fino all’ultimo giorno di maggio ci si vestiva ancora col piumino, lo ricordo perfettamente. Io personalmente non ho tutta ‘sta voglia di freddo, e poi ho sempre preferito il cocomero al panettone…
    Esilarante la frase del giorno!

    Comment di Silvio — 23 Ottobre 2019 @ 09:17
  3. C’è gente al mare che fa ancora il bagno, anche se gli stabilimenti sono chiusi! E, purtroppo ci sono ancora e sempre le zanzare che strarompono e che mi hanno scambiato per un puntaspilli!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 23 Ottobre 2019 @ 12:44
  4. Esilarante la frase del giorno e …….triste allo stesso tempo!

    Comment di romano cb — 23 Ottobre 2019 @ 15:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>