Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

A tavola,I sonetti romani

13 Novembre 2019

Li fritti romani

Li fritti romani

***

Carciofi fritti, cotti a la giudia,

de baccalà er filetto pastellato,

c’è er fiore, si è de zucca, e va sposato

co un’alicetta a faje compagnia.

***

C’è poi er supplì che viè telefonato

co un fir de mozzarella a tirà via,

c’è la crocchetta, a dì ‘na poesia,

quanno se scioje lenta in der palato.

***

L’emporio in bella mostra de li fritti

suggello de ‘na tavola imbandita,

a aprì la panza de chi ne approfitti …

***

… prima de la pietanza più gradita,

pe nun magnà a diggiuno e fà stà zitti,

li crampi de ‘na fame mai sopita.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Carciofi fritti, cotti a la giudia,
    de baccalà er filetto pastellato,
    c’è er fiore, si è de zucca, e va sposato
    co un’alicetta a faje compagnia. …

    Comment di Stefano — 13 Novembre 2019 @ 04:43
  2. Bella la foto dei fritti, ma a quest’ora non mi allettano proprio!

    Sono assolutamente concorde con il Pensiero del Giorno: ma questi cosa hanno in testa? Lo vogliono vendere e cercano di farcelo odiare ed in parte ci stanno riuscendo! Ma io non ci casco!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 13 Novembre 2019 @ 10:31
  3. Non c’è un solo motivo valido perché Florenzi debba essere allontanato. Mi auguro prevalga il buon senso!

    Comment di Silvio — 13 Novembre 2019 @ 10:39
  4. Dipende da quanto viene pagato il buonsenso.
    Buona serata.

    Comment di letizia — 13 Novembre 2019 @ 17:04

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>