Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

2 Gennaio 2020

Dopo le Feste

Dopo le Feste

***

Dopo le Feste te guardi a lo specchio,

e pure a la bilancia butti un occhio,

ché sai ch’hai combinato un ber papocchio,

magnanno ben de più che a dì parecchio.

***

E te s’allunga er naso da Pinocchio,

quanno che tiri in dentro de sottecchio,

la panza che trabborda e nun cià orecchio

pe stà a sentì che … mó solo finocchio.

***

E pure er viso cià un’ombra de scucchio,

sarà er magnà come che batte er picchio,

e beve fin’a l’urtimo risucchio.

**+

Devi mettete a dieta, su e che cacchio,

solo verdura e un pò de frutta a spicchio,

ma nun sprecà però torone e abbacchio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Dopo le Feste te guardi a lo specchio,
    e pure a la bilancia butti un occhio,
    ché sai ch’hai combinato un ber papocchio,
    magnanno ben de più che a dì parecchio.

    Comment by Stefano — 2 Gennaio 2020 @ 08:13
  2. Bongiorno tuttti, ber sonetto p’aricordacce a solita sorfache sisprocettamo ner magna, aumentamo ‘e ciambelle de l’addome. Me piace er finale: consija de nun spreca’ er torone e l’abbacchio arimasti.

    Comment by 'svardo — 2 Gennaio 2020 @ 09:35
  3. ….e me pare pure giusto….a nun sprecà torone e abbacchio, cosi la dieta se comincia in santa frescola….

    Comment by laura cugini — 2 Gennaio 2020 @ 10:44
  4. Meno male che non ho comprato né torrone e né abbacchio, pertanto, non ho spreco!
    Buona serata!

    Comment by letizia — 2 Gennaio 2020 @ 17:06
  5. Io de Diete ne sto’ a fa’ due allo stesso tempo perché’ co una sola no magnavo abbastanza! Buon Anno a tutti!

    Comment by romano cb — 2 Gennaio 2020 @ 19:38

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>