Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

3 Gennaio 2020

Lo schiaffo de Papa Francesco

Lo schiaffo de Papa Francesco

***

Un’eco tanta a un semprice schiaffetto,

ch’ha dato p’èsse stato strattonato,

ha chiesto scusa, ma nun è bastato,

se parla solo de quer gesto a effetto.

***

Ma quanno ch’ha menato e bastonato,

chi ha governato e che ‘sta Tera ha retto,

co sferza de parole a do de petto,

nisuno ha detto gnente o s’è incazzato.

***

Ma è chiaro che quer che fa poi notizzia,

è er Papa che dimostra d’èsse un omo,

e peccatore … cosa che me sfizzia …

***

… ma chi sa solo giudicà e se chiede

si questa è chiesa mai o questo è duomo,

j’abbasta ciò pe criticà la Fede.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. Un’eco tanta a un semprice schiaffetto,
    ch’ha dato p’èsse stato strattonato,
    ha chiesto scusa, ma nun è bastato,
    se parla solo de quer gesto a effetto. …

    Comment by Stefano — 3 Gennaio 2020 @ 08:08
  2. Non è la prima volta che Papa Francesco si arrabbia con un fedele: ma le guardie al servizio del Papa cosa facevano? non dovevano essere più attenti per la sua sicurezza? Comunque, tutto questo risalto mi sembra una esagerazione!
    Buona serata.

    Comment by letizia — 3 Gennaio 2020 @ 17:03

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>