Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Tempi d'oggi

4 Gennaio 2020

DumilaVENTI de guera

DumilaVENTI de guera

***

Cor monno gioca a Risiko … se “usa”,

voce der verbo o stato a stelle e strisce,

come che a lègge ‘gnuno più gradisce,

ché tanto de la legge … assai ne abbusa.

***

Così che Trump, er genio, pìa e corpisce,

ammazza e va accampanno quarche scusa,

co chi, dice, che cià ‘na mente chiusa,

ma un popolo che certo poi reaggisce.

***

E guarda caso dietro a quarche guera,

semprice “raid” o azzione militare,

chissà com’è che c’è sempre ‘na tera …

***

… dov’è che abbonna l’oro nero e pare

che pe sarvà l’umanità intera,

nun c’è artro mezzo che riempì le bare.

***

Stefano Agostino

________________________

***

 

  1. Cor monno gioca a Risiko … se “usa”,
    voce der verbo o stato a stelle e strisce,
    come che a lègge ‘gnuno più gradisce,
    ché tanto de la legge … assai ne abbusa. …

    Comment by Stefano — 4 Gennaio 2020 @ 07:02
  2. Non c’è da stare tranquilli. Preghiamo che il Signore Dio ci metta una pezza, perchè mi sembra che il mondo sia impazzito.
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 4 Gennaio 2020 @ 09:27

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>