Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

7 Gennaio 2020

Quanno ariviè er sette de gennaio

Quanno ariviè er sette de gennaio

***

E pe ‘gni vorta che passa ‘na Festa,

c’è sempre un giorno a fà un sette gennaio,

quanno la sveja t’arintrona e er guaio

che t’aricorda ch’è ‘sta data mesta.

***

Conti li mesi e sarti già a febbraio,

magara fa la neve e se fa siesta,

poi marzo, poi c’è aprile e Pasqua è lesta,

poi ariva er tempo che sa già de sdraio.

***

Ner mentre ch’arimetti tutto in serie,

camicia, pantalone, maja e giacca, 

te trovi già a sognà future ferie.

***

Ma è er sette de gennaio che te trincia,

e pe affrontà ‘sto giorno assai de cacca,

 indossa anch’er soriso … e aricomincia.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. E pe ‘gni vorta che passa ‘na Festa,
    c’è sempre un giorno a fà un sette gennaio,
    quanno la sveja t’arintrona e er guaio,
    che t’aricorda ch’è ‘sta data mesta. …

    Comment by Stefano — 7 Gennaio 2020 @ 05:34
  2. E’ durissima ricominciare dopo le feste, questo è forse il giorno più duro che c’è, lavorativamente parlando s’intende…

    Comment by Silvio — 7 Gennaio 2020 @ 15:49
  3. Per chi deve ancora lavorare è un giorno proprio tosto! ma coraggio, anche questo alla fine passa!
    Buon pomeriggio.

    Comment by letizia — 7 Gennaio 2020 @ 17:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>