Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Febbraio 2020

Un “sonettaro” in ricerca

Un “sonettaro” in ricerca

***

Me sento un “sonettaro” che va appresso,

a inzegui che? … voi ve starete a chiede:

er più mejo sonetto … che, se vede,

che armeno qui nun cià avuto accesso.

***

E nun me ‘mporta si nun me se crede,

io posso dichiarallo già da adesso,

che ‘sto cammino lo farò lo stesso,

perché me smove dentro ‘na gran fede …

***

… de chi sa che si cerca un ber tesoro,

co tutta l’anima e co tutto er còre,

nun sprecherà de certo er suo lavoro.

***

Come chi vò trovà er più granne Amore,

de quer che sluccica, si nun è oro,

lui ne fa a meno, senza arcun dolore.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Me sento un “sonettaro” che va appresso,
    a inzegui che? … voi ve starete a chiede:
    er più mejo sonetto … che, se vede,
    che armeno qui nun cià avuto accesso. …

    Comment di Stefano — 12 Febbraio 2020 @ 05:40
  2. Fai bene a inseguire e coltivare questa passione Stè. Tutti dovremmo concentrarci su ciò che più ci attrae poiché questo ci riempie, ci dà emozione e realizza noi stessi come persone. Continua così!

    Comment di Silvio — 12 Febbraio 2020 @ 09:57
  3. E’ sempre una bella cosa alimentare ed accrescere quello che tanto ci appassiona! Tu sei un “sonettaro” magnifico, e posso dire che, da quando ti leggo, ho trovato sempre versi bellissimi nelle tue poesie!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 12 Febbraio 2020 @ 11:46
  4. Letizia, Silvio, grazie.

    Comment di Stefano — 12 Febbraio 2020 @ 18:49

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>