Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima

18 Febbraio 2020

Cammino in salita

Cammino in salita

***

Nun parlo più de carcio, s’è notato?

E che vòi dì co quer che ‘sta a succede?

“Quelli” messì così, nun ce se crede,

quann’er cammino nostro è accidentato.

***

Com’è possibile? Se stamo a chiede…

che semo quinti mó… com’è? Ch’è stato?

Tante sconfitte eppoi ‘sto campionato,

in cui comunque er gioco nun se vede.

***

Er tutto, pe nun fasse mancà gnente,

co un passaggio strano de consegne,

co tempi incerti e pause troppo lente.

***

Perciò riparlerò a cambio de passo,

co prestazzioni de ‘sta squadra degne,

er resto nun lo so … ma guardo basso.

***

Stefano Agostino

***

  1. Nun parlo più de carcio, s’è notato?
    E che vòi dì co quer che ‘sta a succede?
    “Quelli” messì così, nun ce se crede,
    quann’er cammino nostro è accidentato. …

    Comment di Stefano — 18 Febbraio 2020 @ 05:39
  2. E’ veramente un momentaccio ragazzi…
    “MALA TEMPORA CURRUNT” dicevano i latini nei periodi negativi e difficili, e io aggiungo molto più modestamente ma alla maniera de noantri: ciò che nun t’uccide te rompe li cojoni!

    Comment di Silvio — 18 Febbraio 2020 @ 09:27
  3. Il mio è il solito “ringraziamento” alla banca, a pallotta e baldini, per averci ridotto alle condizioni in cui oggi versiamo. Non so se riuscirò a rivedere una Squadra vincente!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 18 Febbraio 2020 @ 10:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>