Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

4 Marzo 2020

A chi dovemo crede?

A chi dovemo crede?

***

A chi dovemo crede se ‘gni giorno

ce dite tutto e tutto er suo contrario?

Nun c’è n’è uno, no, de notizziario,

che nun ce dica “A” e “A, un corno!”

***

Nun se capisce più in de ‘sto scenario,

la verità qual è … chi pe un ritorno,

e chi perché nun sa che dì a contorno,

de un virus sconosciuto e planetario.

***

Così chiudi la scòla e va benone,

ma allora nun dì che er virus cinese,

è solo un’influenza de staggione.

***

Stamo a distanza? Sì, èssi cortese,

come se fa su bus, metro e stazzione?

Che nun sia er caso de fermacce un mese?

***

Stefano Agostino

___________________________

***

  1. A chi dovemo crede se ‘gni giorno
    ce dite tutto e tutto er suo contrario?
    Nun c’è n’è uno, no, de notizziario,
    che nun ce dica “A” e “A, un corno!” …

    Comment by Stefano — 5 Marzo 2020 @ 04:25
  2. Un giorno ti dicono di stare calmi perchè non è che una semplice influenza e un’ora dopo dicono che è una pandemia (e sicuramente lo è) perchè non è solo in pochi paesi che sta dilagando, ma in tutto il mondo! E il vaccino non esiste. Solo Dio sa quando finirà.
    Buona Giornata

    Comment by letizia — 5 Marzo 2020 @ 11:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>