Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

13 Marzo 2020

Er più ber posto ar monno

Er più ber posto ar monno

***

Sto a riscoprì man mano la mia casa,

che bella che è! La cammera da letto,

è er posto der riposo più perfetto,

nun ce n’è uno ar monno che più gasa.

***

Poi d’obbrigo passà ar gabbinetto,

er vano dai cui tutto poi se basa,

la doccia, er water … e ‘gni cosa evasa,

ce passo er tempo, senza che m’affretto.

***

Poi la cucina, dar caffè a la cena,

t’abbraccica d’amore, accojente,

me dà sodisfazzione si sto in vena.

***

Poi ingresso, uno stanzino e lì er soggiorno,

co ‘na loggetta … tutto er resto è gnente,

oh casa mia … che bello avette attorno.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Sto a riscoprì man mano la mia casa,
    che bella ch’è! La camera da letto,
    è er posto der riposo più perfetto,
    nun ce n’è uno ar monno che più gasa. …

    Comment by Stefano — 13 Marzo 2020 @ 06:05
  2. Io sono un’amante della casa: ma da quando sono costretta a rimanerci, comincia a pesarmi! Chissà quando finirà!
    Buona Giornata.

    Comment by letizia — 13 Marzo 2020 @ 13:51

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>