Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

18 Marzo 2020

Ma vatte a fà footing

Ma vatte a fà footing

***

E certo … tutt’a un tratto devi córe,

tu nun t’arzavi mai da la portrona,

co quela panza che te sproporziona,

t’è preso de fà er “runner” … coridore.

***

Prima ciavevi quarche scusa bona,

pe nun fà sport, pure ch’er tuo dottore,

t’aveva detto: “Caro mio signore,

 faccia esercizzio”, e tu … “ma me scojona ?!?!”

***

Invece adesso dichi: “A la corzetta,

nun posso rinunciacce … è er mio sollazzo,

ciò da stà in forma … guarda che robbetta?”

***

Nun t’arisponno ché so’ in imbarazzo,

ma penzo ar rischio e a tanta gente infetta,

e dico: “Ma che gran testa de c….!”

***

Stefano Agostino

_______________________

***

  1. E certo … tutt’a un tratto devi córe,
    tu nun t’arzavi mai da la portrona,
    co quela panza che te sproporziona,
    t’è preso de fà er “runner” … coridore. …

    Comment di Stefano — 18 Marzo 2020 @ 06:10
  2. Bon mercoledì. Daje ‘n giorno de meno ar 3 aprile, quanno se potrà aricircola’; armeno se spera. Chissà, se pe domenica 5 ‘n ce sarà chi oraganizza ‘na campestre, pe fa scioje li muscoli rajttrappiti pe giornate de inedia?

    Comment di 'svardo — 18 Marzo 2020 @ 06:43
  3. Il picco della pandemia è ancora lontano: secondo molti esperti questo virus sarà difficile da sconfiggere! Purtroppo ci dobbiamo rassegnare a stare in casa per il bene nostro e per quello degli altri!
    A tutti Buona Giornata.

    Comment di letizia — 18 Marzo 2020 @ 09:46

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>