Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Marzo 2020

Nun c’è nulla de scontato

Nun c’è nulla de scontato

***

Si c’è quarcosa che da ‘st’esperienza,

dovressimo capì e avé maturato,

che in de ‘sta vita gnente è mai scontato,

ce n’accorgemo quanno stamo senza.

***

Quer che sembrava a noi connaturato,

uscì, girà e avé tutto a l’occorenza,

benessere, salute e opulenza,

va tutto invece prima guadambiato.

***

E così adesso co ‘ste restrizzioni,

ce stamo tutti a accorge la fortuna

d’avé la libbertà e li giorni boni.

***

Quanno sarà passato ‘sto momento,

apprezzeremo ‘gni spicchio de luna,

vive la vita, come soffia er vento?

***

Stefano Agostino

________________________

***

  1. Si c’è quarcosa che da ‘st’esperienza,
    dovressimo capì e avé maturato,
    che in de ‘sta vita gnente è mai scontato,
    ce n’accorgemo quanno stamo senza. …

    Comment di Stefano — 20 Marzo 2020 @ 04:42
  2. Situazione veramente seria! Chissà se ne usciremo e quando!
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 20 Marzo 2020 @ 11:17

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>