Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

23 Marzo 2020

Er vecchio lunedì

Er vecchio lunedì

***

Er lunedì l’ho sempre bistrattato,

sin dar ritorno a scòla e poi ar lavoro,

a invidià barbieri, er giorno loro,

io a ricomincià … già scojonato.

***

E appresso a me ce stava tutto un coro

de gente che sto giorno ha sempre odiato,

ch’ha condiviso quanno l’ho rimato,

dicenno: “farà schifo, finché mòro!”

***

Poi è arivato er virus maledetto,

che cià rinchiuso in casa a fà fandango,

tra bagno, ingresso e cammera da letto.

***

E m’aritrovo oggi, co ‘sto tango,

cor lavorà da casa a fà un sonetto

pe dì ch’er lunedì me lo rimpiango.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Er lunedì l’ho sempre bistrattato,
    sin dar ritorno a scòla e poi ar lavoro,
    a invidià barbieri, er giorno loro,
    io a ricomincià … già scojonato. …

    Comment by Stefano — 23 Marzo 2020 @ 05:36
  2. Bongiorno a tutti. Ce voleva sta maledizione de sto coronavirus, pe fa prova’, com’è er lunedì der penzionato, a chi lo vòle aboli! Ma dai, er lunedì è più o meno come n’artro giormo de lavoro o de ozio.

    Comment by 'svardo — 23 Marzo 2020 @ 10:13
  3. Prima del covid c’erano cose che odiavo solo perchè ero costretta a farle ora invece le amo: non mi fanno pensare a come stiamo combinati!
    Buon lunedì!

    Comment by letizia — 23 Marzo 2020 @ 12:42

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>