Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

26 Marzo 2020

Le “fake news”

Le “fake news”

***

Nun paghi der casino der momento,

come si nun bastasse quant’è nero,

ce mancheno li scemi cor penziero

de stà a sparà cazzate controvento.

***

Se chiameno “fake news”, detto in stragnero,

che sò notizzie co l’intennimento

de fà clamore, quanno nun tormento,

ma de ‘na verità ch’è pari a zero.

***

Che gusto proveranno a fà ‘sto gioco?

Che gioco poi nun è … specie si adesso

sò in grado presto de accenne er fòco.

***

Lancià “fake news” è già un reato grave,

dovrebbe comportà, senza er processo,

d’annà in galera, a cui buttà la chiave.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

  1. Nun paghi der casino der momento,
    come si nun bastasse quant’è nero,
    ce mancheno li scemi cor penziero
    de stà a sparà cazzate controvento. …

    Comment di Stefano — 26 Marzo 2020 @ 06:46
  2. “Due cose sono infinite: l’universo e la stupidità umana, ma riguardo l’universo ho ancora dei dubbi”(A.Einstein)
    Buona Giornata.

    Comment di letizia — 26 Marzo 2020 @ 14:02
  3. Bello il sonetto e perfetta e appropriata la citazione. Grazie Stefano e Grazie Letizia

    Comment di romano cb — 26 Marzo 2020 @ 18:58

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>