Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

3 Aprile 2020

Restamo a casa

Restamo a casa

***

Ma che ce sta de tanto compricato,

ner: “Nun se pò uscì, nun è er momento”,

quanno ne vedi dieci o, mejo, cento

che fanno poi er contrario spiccicato?

***

Li trovi a chiacchierà e fà assembramento,

come si nulla mai fusse cambiato,

la quarantena fusse quelo stato,

che ammettesse ‘sto comportamento.

***

Senza ‘na forma arcuna de rispetto,

de quer che sta a succede pe ospedali

e de chi sta rinchiuso sott’ar tetto.

***

Ché a seguità a fà ‘ste genialate,

cor virus a scassà li genitali,

passamo in quarantena anche ‘st’estate.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. Ma che ce sta de tanto compricato,
    ner: “Nun se pò uscì, nun è er momento”,
    quanno ne vedi dieci o, mejo, cento
    che fanno poi er contrario spiccicato? …

    Comment di Stefano — 3 Aprile 2020 @ 06:08
  2. Purtroppo, sembra che staremo in quarantena fino a tutta la prossima estate!
    Buon pomeriggio.

    Comment di letizia — 3 Aprile 2020 @ 15:26

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>