Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

13 Aprile 2020

Sòle … de ‘sta Pasquetta

Sòle … de ‘sta Pasquetta

***

L’urtima vorta quanno che a Pasquetta

c’è stato er sole e er tempo era bello,

c’era Caino a ammazzà er fratello,

pischella la Reggina Elisabbetta.

***

Poi gnente più … sortanto co l’ombrello,

artro che gita fòri benedetta,

solo ‘na pioggia a venì giù perfetta

er giorno dopo Pasqua, propio quello.

***

Quest’anno che p’er virus stamo in casa

nun c’era certo da sprecà parole,

dar sole ‘sta penisola è invasa.

***

Restamo a casa p’evità er contaggio,

ma tanto già se sa che sarà sole

er venticinque aprile e er primo maggio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

  1. L’urtima vorta quanno che a Pasquetta
    c’è stato er sole e er tempo era bello,
    c’era Caino a ammazzà er fratello,
    pischella la Reggina Elisabbetta. …

    Comment by Stefano — 13 Aprile 2020 @ 05:56
  2. Non si può uscire per fare una passeggiata! Ma intanto ringraziamo il Signore che siamo vivi e stiamo bene! Il tempo per andare a passeggio ce l’avremo ancora!
    Buona Pasquetta a tutti.

    Comment by letizia — 13 Aprile 2020 @ 12:00

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>